La Calabria che aspetta il Giro

La Calabria che aspetta il Giro

Sarà un Giro anomalo quello del 2020 ed è sufficiente leggere la data per capire che sarà un qualcosa di “straordinario”, nel senso stretto del termine, ovvero fuori dall’ordinario. Se poi dovesse essere straordinario, nel senso più ampio del termine, ovvero meraviglioso, lo capiremo più avanti.

Ciò che è certo è che sarà “straordinario” per la Calabria perché avere due tappe, con due partenza ed un arrivo, è un qualcosa di decisamente suggestivo, oltre che insolito.

Ma andiamo con ordine, il Giro, quest’anno, si correrà dal 3 al 25 ottobre ( e non dal 9 al 31 maggio come decisamente previsto, causa Covid) e si svilupperà attraverso le consuete 21 tappe per un totale di 3 496,8 km con partenza da Monreale e arrivo a Milano. La quinta e la sesta tappa (previste per il 7 e 8 ottobre) saranno quelle che interesseranno la Calabria.

Mileto-Camigliatello Silano

La prima delle due tappe calabresi

Dopo la partenza in Sicilia, la carovana rosa si sposterà in Calabria. Mercoledì 7 ottobre, la quinta tappa prenderà il via da Mileto per approdare in Sila, precisamente a Camigliatello Silano. Un percorso decisamente ostico che attraverserà anche le città di Catanzaro e Cosenza.

Castrovillari-Matera

La seconda delle due tappe calabresi

Dopo la tappa tutta calabrese, la carovana rosa lascerà la nostra regione dopo una nuova partenza “made in Calabria”. Giovedì 8 ottobre, la sesta tappa, infatti, prenderà il via da Castrovillari, attraversà parte del Pollino prima dell’arrivo a Matera. Un percorso meno duro rispetto a quello del giorno precedente, ma ugualmente suggestivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *