Giro d’Italia: Ganna re della Sila

Giro d’Italia: Ganna re della Sila

Vai in Calabria e pensi al sole ed al mare…ed invece trovi temperature sotto i 10 gradi, la pioggia e la nebbia.
Non è stata una tappa semplice…e lo si sapeva per il tracciato, ma le condizioni atmosferiche hanno reso il percorso ancora più difficile. E’ stata, quindi, una vera e propria impresa quella di Filippo Ganna, che è riuscito a tagliare per primo, in solitaria, il traguardo della quinta tappa Mileto-Camigliatello-Silano.
Un percorso decisamente insidioso quello che da Mileto ha portato i ciclisti fino in Sila passando da Catanzaro e Cosenza. Il passaggio decisamente più difficile è stato il valico di Monte Scuro, intorno ai 1600 metri: i ciclisti hanno dovuto affrontare il freddo, ma anche la nebbia, ed anche in questo Ganna è stato più bravo di tutti. Soprattutto nella successiva discesa, resa ancora più pericolosa dalla strada bagnata, che conduceva al traguardo di Camigliatello.


Al traguardo Ganna (Team Ineos Grenadiers), che, lo ricordiamo, si è laureato campione del mondo a cronometro ad Imola, dopo 225 chilometri ha preceduto di 34 secondi l’austriaco Patrick Konrad (Bora-Hansgrohe) e la maglia rosa Joao Almeida (Deceuninck-Quick-Step), che conserva il primato.
Domani ancora la Calabria protagonista: partirà da Castrovillari la sesta tappa che porterà la carovana rosa fino a Matera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *