Reggina: occasione sprecata. Pareggio beffa allo scadere

Reggina: occasione sprecata. Pareggio beffa allo scadere

Occasione sprecata. Non ci sono altre parole per definire il pareggio fra la Reggina e la Virtus Entella con gli amaranto che hanno praticamente permesso ai padroni di casa di pareggiare un match già chiuso. Un’ingenuità che non consente alla Reggina di centrare la seconda vittoria in campionato.

La gara

Nel primo tempo il match è molto equilibrato e le due squadre si affrontano senza scoprirsi troppo. La Reggina ha qualche occasione, mentre l’Entella si vede annullare un gol di De Luca per fuorigioco. Le due squadre, comunque, vanno al riposo su un punteggio di 0-0 decisamente giusto.

Toscano cambia nell’intervallo ed inserisce Folorunsho e Mastour al posto di Bianchi e Bellomo ed i due riescono a dare qualcosa in più alla formazione calabrese. Le gare bloccate come queste, però, vengono spesso decise da una giocata ed il tasso tecnico dei singoli giocatori fa la differenza: e quando si parla di talento, Menez detta legge e con una progressione delle sue si procura un calcio di punizione dal limite. Le giocate di gran classe sono due perché a mettere dentro la punizione è il sinistro di Crisetig.

Una volta in vantaggio la Reggina si sblocca e crea occasioni per raddoppiare senza riuscirci. Ma i match che non si chiudono…rischiano di sfuggire di mano: accade così che allo scadere un “furbo” Mancosu approfitta dell’ingenuità di Rossi e ottiene un calcio di rigore. Chiariamo subito: il penalty è giusto. Ed è lo stesso Mancosu a trasformare dagli undici metri.

Un risultato che lascia decisamente l’amaro in bocca agli uomini di Toscano. L’occasione per il riscatto, comunque, è dietro l’angolo: martedì sera al Granillo arriva il Cosenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *