Bergamini: 31 anni senza verità

Bergamini: 31 anni senza verità

18 novembre 1989-18 novembre 2020: 31 anni ed ancora non è stato possibile conoscere i nomi dei responsabili della morte di Denis Bergamini, il giocatore del Cosenza calcio, ucciso da persone che avrebbero poi tentato di mascherare l’omicidio in suicidio. La famiglia, in particolare la sorella Donata, attende da oltre 3 decenni la verità e continua a lottare senza sosta. Secondo la ricostruzione venuta fuori dalle prime due inchieste, Bergamini si sarebbe lanciato sotto un camion sulla SS 106 nel territorio del comune di Roseto Capo Spulico. Poi la terza inchiesta condotta dall’ex Procuratore di Castrovillari, Eugenio Facciolla, avrebbe permesso di accertare, attraverso nuovi accertamenti, l’avvenuto omicidio. Al momento alcune persone sono indagate, ma il trasferimento del Procuratore da Castrovillari ha per forza di cose rallentato il procedimento. La famiglia attende con speranza…così come tutta una città, Cosenza, che non ha mai smesso di amare il suo numero 8.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *