Cosenza: addio alla Coppa a testa alta

Cosenza: addio alla Coppa a testa alta

Quando si racconta di una squadra che esce dal campo sconfitta, ma a testa alta, si può far riferimento al Cosenza di oggi. La formazione di Occhiuzzi esce dalla Coppa Italia: il Parma si impone, infatti, 2-1 al “Tardini”, ma in campo non si è vista la differenza fra due squadre di diverse categorie.

Il match

Il tecnico rossoblù decide di dare una chance a qualche giocatore che, finora, ha visto meno il campo come Petre, Bouah, Ba e Sacko ed i suoi ragazzi, chi più chi meno, rispondono presente. Alcuni giocatori, in realtà, dimostrano di non essere ancora pronti per un campionato ostico come quello di serie B, ma lo spirito del Cosenza è quello di sempre e la formazione calabrese lotta palla su palla contro una squadra di serie A senza farsi intimorire. I silani non rinunciano a giocare la partita come sempre, ma si lasciano cogliere impreparati al 13esimo consentendo a Brunetta di realizzare il gol del vantaggio parmense.

Chi pensava, però, ad un match in discesa per i padroni di casa, ha dovuto rivedere i suoi pronostici: il Cosenza, infatti, cresce ed il pareggio arriva al 38esimo grazie ad una bella azione finalizzata da capitan Corsi.

La gioia, però, dura solo un minuto perché i rossoblù commettono l’unico grave errore della serata quando lasciano solo in area Brunetta, libero di concludere al volo di sinistro e battere Falcone.

Nel secondo tempo le squadre di allungano un po’ e giocano a viso aperto: entrambe hanno le occasioni giuste per trovare la via del gol, ma un pò di imprecisione non permette al Parma di chiudere il match in anticipo ed al Cosenza di portare la contesa ai supplementari. Finisce così 2-1 un match che, come detto, ha visto due squadre affrontarsi alla pari: la categoria di differenza non si è vista.

Il Parma si qualifica così per gli ottavi di finale dove trova la Lazio; il Cosenza, invece, può ritornare in Calabria con una convinzione ancora maggiore nei propri mezzi ed il pensiero rivolto già alla Salernitana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *