Reggina: altro ko e altro “rosso”

Reggina: altro ko e altro “rosso”

Quattro sconfitte consecutive iniziano a diventare troppe. Ed anche tre espulsioni in questi quattro match sono un dato che deve far riflettere. La sconfitta in casa del Monza fa male, anche perché dopo un primo tempo giocato alla pari, la Reggina ha pagato l’espulsione di Folorunsho e non è praticamente scesa in campo nella ripresa.

Il match

Le assenze pesano, ma la Reggina ha un organico per riuscire ad andare oltre e nel primo tempo lo si è visto. Di fronte ad una delle squadre più attrezzate del campionato per organico, la squadra di Toscano ha giocato una buona prima parte di gara. Gli amaranto sono riusciti ad imbastire buone trame (anche se è mancato il guizzo finale) ed a difendersi con ordine. In avvio di ripresa, però, è arrivata la beffa o, se preferite, gli errori che condizionano e decidono il match. I protagonisti sono Folorunsho e Del Prato, ovvero i migliori in campo fino a quel momento. Il primo errore (in ordine cronologico e di importanza) è quello di Folorunsho che, già ammonito, commette un fallo decisamente evitabile e si becca il secondo giallo. Poi ci pensa il difensore a dimenticarsi di Dany Mota su calcio d’angolo ed è 1-0 per la squadra di casa. Il Monza avrebbe la possibilità di raddoppiare due minuti più tardi, ma l’ex Milan Boateng si fa parare il penalty da un grande Plizzari che tiene a galla i suoi. Ma è solo un’illusione: gli ingressi di Denis e Rivas non cambiano la sostanza: la Reggina riesce solo ad evitare di subire la seconda rete, ma non la quarta sconfitta consecutiva in campionato, la quinta considerando la Coppa Italia.

Squadra in ritiro

A fine gara la società ha deciso di portare la squadra in ritiro fino al prossimo match contro il Brescia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *